Ambient 2: The Plateaux of Mirror di Harold Budd e Brian Eno

Chi sono io
Aina Martin
@ainamartin

Ambient 2 The Plateaux of Mirror - Sopra Chiangmai

Pubblicazione integrale di Brian Eno e Harold Budd.



Pubblicato nel 1980 dalla EG Records.

granello di sale

Ambient 2 probabilmente non è famoso come il suo predecessore, Ambient 1: Music for Airports, ma questa versione ha un partner collaborativo molto interessante, Harold Budd. Molti degli Ambients erano collaborazioni complete per Brian Eno, inclusa questa. Harold Budd ha un curriculum impressionante tutto suo, quindi rende questa pubblicazione ancora più speciale.

Qui, le tracce sono più frequenti e più brevi rispetto ad Ambient 1, scorrendo con belle frasi di pianoforte improvvisate, in stile Budd. A proposito di quelle frasi al pianoforte... il suono del pianoforte è molto meglio in questo album che in Ambient 1. Il suono del pianoforte originale di Eno su Ambient 1 sembra un po' più sintetico di questo, e anche se non è abbastanza sintetico da farti sentire rabbrividire, non è così corposo e sfumato come il pianoforte in questo disco. Non c'è niente di terribilmente sbagliato con il pianoforte, sia sintetico che reale, su Ambient 1..questo è semplicemente migliore. Rende questo disco più classico in un certo senso, forse in senso cinematografico. Sono più convinto da questo disco che Brian Eno e Harold Budd siano compositori in buona fede piuttosto che minimalisti ambientali. 

Questo album dura circa 40 minuti e quei 40 minuti passano velocemente. È altrettanto forte, se non più forte, del tanto tentato album ambient contemporaneo. Forse è meno audace del lavoro di un contemporaneo come Wolfgang Voigt, ma fa comunque molte cose diverse, e c'è un senso di movimento e direzione nella musica, che è spesso assente negli album ambient.



Eno a volte descrive la sua musica come basata su un film o cinematografica, e sebbene questo album non sia intitolato come il suo lavoro precedente Music for Films, sappiamo molto bene che questa musica si adatterebbe perfettamente al film. Niente è sopravvalutato in questa musica. Tutto è semplicemente suggestivo, il che si presta a visuali mentali.



vedi anche

  • Buone uscite del 1980
  • Elenco delle pubblicazioni menzionate in Subway Yoga
Aggiungi un commento di Ambient 2: The Plateaux of Mirror di Harold Budd e Brian Eno
Commento inviato con successo! Lo esamineremo nelle prossime ore.